Un’inchiesta sull’operato dell’Ufficio del Ministero della Salute che ha dichiarato sempre in regola l’allevamento “Green Hill” condannato, il mese scorso, dal Tribunale di Brescia. Istituzione di una commissione per procedere alle revisioni delle autorizzazioni ai Centri per la sperimentazione sugli animali, composta da personale che dia adeguate garanzie di preparazione scientifica e terzietà. Sono queste le due richieste che la LAV ha rivolto al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, sostenuta da un’interrogazione parlamentare. Il Ministero della Salute ha infatti ispezionato due volte l’allevamento di beagle a Montichiari (Brescia), nel luglio 2010 e nel gennaio 2012, relazionando, testualmente, che “non sono stati evidenziati segni riferibili a maltrattamenti”, “sono a disposizione arricchimenti ambientali”, “non si è registrato sovraffollamento”, “è stato approntato un ambulatorio per la cura degli animali e per gli eventuali interventi chirurgici”, “assenza di stereotipie o di atteggiamenti di apatia”, “le segnalazioni di maltrattamento non hanno trovato fondamento”. Loretta Gregori

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata