Brescia. L’incidente accaduto lo scorso 27 febbraio nel reparto scorie dell’acciaieria Ori Martin aveva suscitato grande preoccupazione tra i residenti che si sono rivolti all’amministrazione comunale che ha convocato, mercoledì scorso, l’Osservatorio sull’azienda. I tecnici della ditta hanno illustrato nei dettagli le cause dell’esplosione, dovuta a un blocco di scorie non adeguatamente raffreddato. L’azienda ha poi precisato che i lavori di ripristino della cappa dovrebbero concludersi entro un mese. Fino ad allora si potranno vedere vapori acquei, prodotti dal raffreddamento delle scorie, uscire dal tetto e l’odore dovuto alla presenza di zolfo nelle scorie bianche finirà al termine degli interventi.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata