Cremona. E’ stato dimesso dall’ospedale maggiore di Cremona Emilio Visigalli, l’uomo rimasto gravemente ferito lo scorso 18 gennaio in seguito agli scontri tra iscritti alla sezione locale di CasaPound e autonomi del Centro sociale Dordoni. Visigalli, attivista no global del ‘Dordoni’ era stato colpito alla testa con una spranga ed era giunto in gravissime condizioni al nosocomio cremonese. Dopo essere uscito dal coma, è rimasto ricoverato nel reparto di Neurochirurgia dove è stato sottoposto a un delicato intervento ed alla riabilitazione. Dopo il suo ferimento gli autonomi avevano organizzato un corteo nazionale di protesta il 24 gennaio per le vie del centro di Cremona che si era concluso con devastazioni e saccheggi da parte dei black bloc. Gli autonomi, che volevano raggiungere la sede di CasaPound, erano stati fermati dalle forze dell’ordine. Visigalli abita a Maleo (Lodi) e fa l’operatore ecologico.

I.C.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata