Cremona. Nuove perquisizioni dei Nas di Cremona stamane in stalle e allevamenti di 10 provincie del nord Italia per rintracciare partite di farmaci illeciti che si aggiungono ai precedenti sequestri di 16 allevamenti, di oltre 4000 capi di bestiame, di 55 kg di farmaci illegali nonché di 80.000 litri di latte sottoposti a vincolo sanitario. Ora la seconda parte dell’indagine ha portato i militari ad effettuare 19 perquisizioni in varie province dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Lombardia. Nell’elenco ci sono Cremona, Milano, Brescia, Pavia, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Modena, Asti e Torino. In particolare sono stati passati al setaccio 3 depositi di farmaci veterinari:  nel mirino agenti di commercio nel settore zootecnico e 8 allevamenti intensivi. I Nas hanno sequestrato 18mila confezioni di medicinali per un valore complessivo di 9mila euro, 1300 chili di mangime medicato e altre sostanze provenienti dall’estero senza prescrizione, soprattutto antibiotici, cortisonici e sulfamidici: un mercato parallelo clandestino e in nero destinato ad approvigionare allevamenti di bovini da latte, senza i necessari controlli e le prescrizioni medico-veterinarie. Le denunce scattate riguardano l’accusa di adulterazioni alimentari, attraverso la somministrazione dei farmaci e dei mangimi ai capi di bestiame per vari scopi, tra cui una maggiore produzione di latte. Già nella prima fase dell’indagine, conclusa lo scorso ottobre, era emerso un vasto traffico illecito di somatotropina bovina, triangolata da paesi extra europei, introdotta irregolarmente in Italia e venduta illecitamente per far aumentare fino al 20% la produzione di latte del bestiame trattato.

 

 

I.C.

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata