Brescia. (Bs). Sotto i riflettori Brescia e la discarica Macogna perché ci sono importanti novità: il Tar di Brescia, in seguito all’udienza di sette giorni fa, ha deciso di sospendere il porgetto della discarica, disponendo un supplemento di indagini tecniche per quanto riguarda i rischi per la falda. Questo deriva da una pubblicazione recente dell’Asl in cui veniva messo in evidenza il rischio contaminazione relativo a 19 pozzi privati della zona. Per commentare questa decisione, abbiamo raggiunto telefonicamente, durante il telegiornale condotto da Claudia Barigozzi, Silvio Parzanini, Presidente di Legambiente Franciacorta che aveva promosso queste indagini, impegnato in un sopralluogo su un altro sito inquinato di Brescia.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata