Brescia. Ennesimo disastro ambientale nella Bassa Bresciana. Dal parco dell’Oglio Nord sta riaffiorando una necropoli di veleni con scorie di fonderia, residui di macerie di demolizioni edili, materie plastiche rottami ferrosi e scarti metallici di lavorazioni industriali. A scoprire questo scempio le guardie ecologiche volontarie. Le scorie erano sepolte a poche decine di metri dal fiume, in due distinti “depositi”, nel territorio comunale di Alfianello e di Pontevico. Noi abbiamo raccolto il commento del presidente di Legambiente Bassa Bresciana Gabriele Pellegrini.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata