Cremona. Fioriere con cubotti colorati per sedersi, tappeti, firma di Stradivari scritta su corso Garibaldi e spettacoli di danza, ma anche un’area per letture pubbliche in corso Mazzini e in largo Boccaccino invece decine di sedie, mostre d’arte o installazioni. Le iniziative di animazione estive si moltiplicano quest’anno, anche in concomitanza con i concerti di palazzo Trecchi e Mondomusica presso Cremonafiere. L’assessore Barbara Manfredini oggi in commissione commercio ha elogiato lo spirito d’iniziativa dei negozianti che sempre più spesso abitano la strada per incontrare i cittadini, senza vincolo di ingresso. Il centro storico è ormai un salotto e i termini inglesi aumentano ancora nella smart-city: i cremonesi vengono chiamati user della città. Mentre per Carletti del Psi questo è il trionfo del dinamismo, dopo anni di immobilismo cremonese, Giorgio Everet di Forza Italia, ha constatato la mancanza di numero legale all’inizio della riunione. Succede ormai spesso recentemente: non c’era obbligo di presentare il progetto in commissione né di votarlo, ma qualche assenza s’è notata anche in consiglio comunale. Everet ha ricordato anche il successo di pubblico dei concerti della serie Corde dell’anima. Torneranno presto comunque gli arredi e le decorazioni, non senza consenso della Soprintendenza per l’uso della zona dietro il Duomo, dove verrà collocata, con caratteri solidi, la scritta Boccaccino. Lucia Lanfredi, per i cinque stelle, ha chiesto almeno di apporre la firma di Stradivari su un tappeto per non dover poi ripulire, Everet ha insistito per sapere come mai le installazioni, se sono così belle, non restano tutto l’anno: costerebbe meno. Comunque Barbara Manfredini, con l’aiuto dei tecnici di diverse aree, intende catturare la partecipazioni delle varie fasce d’età, dai bambini agli anziani. Le manifestazioni infatti si svolgeranno in tre orari diversi: 17.30, 18 e 21.

Paolo Zignani

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata