Cremona Si continua a soffrire sui treni in Lombardia. Ritardi, soppressioni e temperature infernali. A fronte degli ultimi terribili viaggi e delle conseguenti lamentele da parte dell’utenza delle ferrovie, Trenord ha diramato un comunicato per scusarsi con i viaggiatori del disservizio di questi giorni, causato principalmente dalle temperature elevate che mettono fuori uso gli impianti di climatizzazione su treni per la maggior parte troppo datati. Trenord ribadisce l’impegno del rinnovo parco treni , che ha visto nell’anno passato 63 nuovi convogli con una spesa complesiva di oltre 500 milioni di euro. Ad oggi ne sono entrati in servizio 41: entro la fine del 2015, terminato il piano straordinario dedicato a Expo, i treni più vecchi non dotati di climatizzazione saranno dismessi. Magra consolazione per chi il treno lo prende tutti i giorni e non vede il servizio migliorare, nonostante i costi. I pendolari sono al limite della resistenza e già su facebook c’è una nuova raccolta firme per chiedere un a nuova politica dei trasporti, nuovi piani di investimenti per Trenord e trasparenza sul contratto di servizio affidato a quest’ultima dalla Regione. Intanto il pd in Consiglio torna a chiedere la sostituzione dei convolgi e piani di manutenzione seri e scrupolosi per evitare situazione come quella dei treni forno.

 

 

Susanna Grillo

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata