Duplice incidente nella notte in A1 fra Piacenza e Parma. Il bilancio è di un morto e tre feriti, coinvolte diverse automobili ma anche tre mezzi pesanti, uno di questi trasportava maiali vivi, alcuni dei quali  scappati nelle campagne a lato della strada. Per gli automobilisti in coda si è trattato così di una vera a propria odissea: chiuso il bivio con l’A21 poi riaperto a mezzogiono; 13 i chilometri di coda prima del tratto chiuso fra Piacenza e Parma con l’uscita obbligatoria a Fidenza, 7 i chilometri di coda nel senso opposto, causati dagli immancabili curiosi fra Parma e Fidenza. Verso sud, tra Fiorenzuola e il bivio A15-A1 la coda attorno alle 11 era di undici chilometri. Pesanti ripercussioni sulla circolazione anche sulla via Emilia in direzione sud. In questo infermo e in questa giorata particolarmente calda si sono registrati già più di dieci interventi  dalla centrale operativa del 118 di Parma per colpi di calore o malori lungo il tratto dell’Autostrada del Sole interessato dalle lunghe code.

A proposito del mezzo pesante coinvolto nell’incidente che trasportava dei suini è bene ricordare come ogni anno ben 500 milioni di animali vivi – mucche, pecore, maiali, galline, cavalli – vengono trasportati su strade e autostrade italiane per l’ultimo viaggio, quello che li porterà nei macelli. Moltissimi affrontano i «viaggi della morte» in condizioni estreme: trasporti infiniti, che durano anche diversi giorni, temperature che d’estate superano i 40° C, soste inesistenti, cibo e acqua adeguati. Una situazione che, negli anni scorsi, ha portato molte associazioni che si battono per i diritti animali a lanciare la campagna «8 hours» per cercare almeno di limitare, appunto a 8 ore, questi trasporti. Tra i promotori dell’iniziativa anche Lav e Animal Angel’s, che rivelano come su 10 controlli effettuati a questi camion ben 8 presentino forti irregolarità e gravi violazioni delle normative: gabbie troppo strette, affollamento, condizioni igieniche precarie e assenza di accortezze per il «benessere animale».

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata