Ogni rivoluzione porta con sé una resistenza. Nel caso della nuova Ztl di Cremona la resistenza maggiore è rappresentata dai commercianti del centro storico, che temono fortemente per la propria attività anche in vista dei mesi invernali. Già Confcommercio si è fatta portavoce dell’opposizione alla novità che vuole escludere le auto dal cuore cittadino, ma l’impegno è ora quello di monitorare la situazione mese per mese, proseguendo la via del dialogo positivamente intrapresa con il Comune. Le voci sono discordi anche tra i commercianti: accanto a chi non sente ragioni e lancia l’allarme sulla scelta che minaccia di rivelarsi fatale per la categoria del commercio, c’è chi si dice fiducioso ma confida in interventi di rivitalizzazione del centro.Dal punto di vista viabilistico non ci sono stati problemi ieri e la rivoluzione è sembrata morbida, anche nel giorno di mercato. Tra le bancarelle invece il vero problema è un altro: l’assetto che il Comune intenderà adottare in concomitanza della festa del Torrone. Susanna Grillo

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata