Il cartello Vendesi è visibile a chiunque passi dall’ex statale Paullese: sono solo alcune delle villette costruite da Coopcasa, la cooperativa edilizia sorta nel 1971 e in grado di costruire un migliaio di abitazioni, per avviarsi ormai alla liquidazione. L’informativa è stata data l’altro ieri sera in assemblea, nella sala della cooperazione di via del Sale, a Cremona. La procedura fallimentare è già avviata: cinque dipendenti sono così a un passo dalla perdita del posto di lavoro e circa 70 soci risparmiatori rischiano di non poter più recuperare i soldi investiti con la formula del prestito sociale. Il presidente Eugenio Zini, dalla sede di via Genala, preferisce non fare dichiarazioni, poiché la procedura non è completata. La società che fa parte della Lega cooperative fallisce in un silenzio assordante, pur dopo aver permesso a molte famiglie (sono 1.500 i soci) di acquistare la casa a condizioni meno dure, rispetto al libero mercato. Nessuno ha aiutato la cooperativa che pure ha dato una mano a tanti cremonesi, le istituzioni non si sono pronunciate. Il mercato ha sconfitto la formula sociale, le case costruite a Pieve San Giacomo, Malagnino, Dosimo nel Cremonese come anche Fogarole di Monticelli D’Ongina, in provincia di Piacenza, sono rimaste invendute. Dalla fine del decennio scorso la tendenza si è invertita. Fino ai primi anni Duemila via Genala registrava utili miliardari, poi è iniziato il declino, sino al piano di cessione approvato dall’assemblea, durante la presidenza di Lino Lombardini. Tutto il patrimonio sociale, compresi i trattamenti di fine rapporto dei dipendenti, è quindi congelato: prima bisognerà pagare i creditori. Una crisi stridente, considerato lo scenario dell’emergenza abitativa, che vede l’indice della provincia di Cremona al terzo posto in Lombardia per gravità. Proprio ieri il Comune di Cremona ha pubblicato il documento con cui vengono assegnati sei alloggi a sei nuclei familiari: si tratta di famiglie che non riescono più a pagare l’affitto e che possono cambiare abitazione grazie a un progetto finanziato dalla Regione, con 258mila euro, e sostenuto dai Comuni di Cremona e Crema assieme a soggetti pubblici come Aler, e altre cooperative edilizie.

Paolo Zignani

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata