Piacenza. A un mese dall’alluvione che ha ferito il territorio Piacentino, finora sarebbero stati stanziati 5 milioni di euro dalla Regione, 10 milioni di euro dal governo e 2,2 milioni dalla Provincia per gli interventi più urgenti, oltre alla Regione che ha stanzia un milione per agevolare il credito. Ma i danni totali stimati si aggirerebbero intorno ai 90 milioni, quindi servirebbero al più presto altre risorse. Inoltre, secondo il presidente del Consorzio di Bonifica, Fausto Zermani, durante l’assemblea pubblica che si era svolta a Roncaglia, il torrente Arda è stato definito “una bomba a orologeria”, anche se fortunatamente lo scorso 14 settembre non è esondato. Ma i Comuni di Fiorenzuola, Cortemaggiore e Villanova sull’Arda sono fortemente preoccupati che i tragici eventi possano coinvolgere in futuro anche questi territori, come ha confermato telefonicamente, durante il telegironale condotto da Claudia Barigozzi, Emanuele Emani, Assessore ai Lavori Pubblici proprio di Villanova.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata