Cremona. Un servizio di trasporto pubblico  efficiente che era riuscito a coprire quasi totalmente la città: oggi Cremona dice addio per sempre ai filobus. Ieri sono stati effettuati i lavori per la rimozione della rete elettrica in corso Campi , piazza Roma, via Verdi e Vittorio Emanuele, chiudendo definitivamente un’esperienza partita nel 1940 e sviluppatasi con successo fino al 2002, tanto da diventare un esempio per altre città. Un vero peccato, secondo l’architetto cremonese De Crecchio, sia dal punto di vista ambientale sia da quello urbanistico e funzionale. Una decisione discutibile e per di più presa, ai tempi, e portata avanti fino ad oggi  senza un confronto democratico. Il servizio filobus prevedeva due linee,  con capolinea alla stazione ferroviaria, e fu esteso nel 1983 alla via Dante e fino a coprire quasi tutta la città. Oggi il servizio è garantito dai bus, la maggior parte dei quali a benzina, ma l’eccellenza di quel sistema rimane un nostalgico ricordo, di fronte ad un’ Europa che al contrario ha riscoperto i filobus e si muove sempre di più grazie alle reti elettriche.

Susanna Grillo

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata