Piacenza Un piano straordinario della durata di tre anni per interventi di pulizia e ristabilizzazione dell’assetto fluviale. Su questo fondamentale aspetto verte la proposta di legge che il deputato Guido Guidesi chiede al Governo per evitare che un’altra alluvione come quella dello scorso 14 settembre si ripeta nel piacentino. Si tratta di una misura cautelare perventiva e la figura chiave dell’intervento sarà il presidente della regione a cui affidare la competenza esclusiva e immediata per l’autorizzazione degli interventi. Dei 127 interventi urgenti post alluvione annunciati dal governo non c’è traccia di una manutenzione fluviale. Secondo questa proposta di legge è inopportuna la continua autorizzazione di cave sui territori quando la sabbia potrebbe essere prelevata dagli alvei dei fiunìmi per pulirli e riportarli all’origine. E’ inoltre ingiustificato proseguire nell’opera di innalzamento degli argini per compensare la continua elevazione degli alvei, carichi di sedimenti.

 

 

Barbara Appiani

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata