Cremona E’ stato un Natale nero per l’inceneritore, quello dell’anno  scorso, ma lo si è saputo soltanto oggi, quando il Comune ha diffuso i  documenti dell’Arpa e della Regione Lombardia. Dal 22 al 24 dicembre  2014 le soglie delle emissioni inquinanti sono state superate dalla  linea 2: dopo undici mesi i fatti sono stati accertati e resi noti, e  la Regione, con una comunicazione del dirigente del settore Ambiente Dario Schunnach, ha diffidato la società proprietaria, Linea reti e impianti, a mettersi in condizione di rispettare le regole entro novanta giorni. L’eccesso di polveri inquinanti è stato rilevato dall’Arpa, che ha iniziato una visita ispettiva di routine il 9 giugno di quest’anno, per verificare che fossero rispettate i limiti massimi delle emissioni consentite, oltre i quali l’impianto non verrebbe più autorizzato. Ad oggi l’agenzia per la protezione dell’ambiente ha concluso la verifica sul campo e sta analizzando i campioni prelevati. Solo tre settimane fa, cioè il 14 ottobre, l’azienda, durante un incontro nella sede dell’Arpa, ha segnalato di aver riscontrato un’anomalia nella misurazione delle polveri, anomalia durata due anni. I dati sull’inquinamento, quindi, sono stati elaborati erroneamente dal 4 settembre 2013 al primo settembre 2015. La  Regione conferma che i limiti massimi di polveri inquinanti sono stati superati solo nel periodo natalizio scorso, quando nel diario di conduzione dell’impianto i capiturno, al lavoro nell’inceneritore di via Antichi Budri, riportavano dati di estinzione molto elevati, senza però metterli in correlazione con un’alta presenza delle polveri. Di conseguenza l’inceneritore ha continuato a funzionare, invece di essere fermato come sarebbe stato necessario. E solo l’11 novembre di quest’anno Linea Reti Impianti ha comunicato all’Arpa di voler sostituire integralmente il sistema di controllo, che comprende linee di prelievo, analizzatori e programmi di acquisizione ed elaborazione di dati. Il Comune ha diffuso oggi anche la nota ricevuta il 26 novembre dalla direttrice dell’Arpa Maria Teresa Cazzaniga. Il sindaco Gianluca Galimberti ha incontrato il primo dicembre i vertici di Lgh e Linea reti e impianti: giovedì 10 dicembre incontrerà a Milano l’Arpa
e la Regione.

Paolo Zignani

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata