Cremona: 200 animali rubati a Sospiro

Era da anni che a Cremona non si verificava un furto di pecore, un reato diffuso in altre regioni più che in Lombardia. Eppure questa volta i ladri sono entrati in azione in modo deciso. Vittima Gian Michele Carminati, titolare dell’allevamento di Derovere, che si è visto sottrarre in una notte 200 capi, tra pecore e capre. Un bel colpo messo in atto in un terreno a Sospiro, dove i ladri dopo aver disattivato la corrente elettrica e sollevato la recinzione hanno stretto le bestie per poi caricarle. Invano hanno abbaiato i cani della zona all’incirca dalle nove di sera fino a mezzanotte. Risulta un bel danno, per un’azienda che conta circa 600 capi, la perdita di ben 200 animali. Ma la conta dei danni, benchè difficile da quantificare, prosegue: molti animali sono rimasti feriti o azzoppati nel tentativo dei malviventi di rubarli. Molti agnellini rimasti pruivati della mamma, ora non possono sfamarsi e con fatica si cerca di alimentarli; purtroppo però alcuni sono già morti di fame. E quelli che sopravvivono non hanno alcuna protezione all’interno del gregge. L’azienda, duramente colpita da questo furto, chiede aiuto a tutti perché chi ha visto qualcosa parli e mette a disposizione una ricompensa per chi aiutasse le indagini. La denuncia è stata fatta regolarmente ai carabinieri, ma ogni giorno che passa è più difficile rintracciare il bestiame, nonostante i capi siano riconoscibili da un marchio a forma di mezza luna sulle orecchie. Chi volesse aiutare con la sua testimonianza può chiamare al 345 9463026-

Susanna Grillo