Un Natale sottotono quello che si è da poco concluso, secondo Confcommercio Cremona, che ha registrato tra gli associati un flessione rispetto allo scorso anno. Tante le speranze di ripresa delle vendite riposte nei saldi invernali, iniziati la scorsa settimana subito dopo le Feste, e che dopo il primo week end consentono ora un iniziale approssimativo bilancio. Nessuna corsa allo sconto c’è stata in questo avvio di gennaio, nonostante gli invitanti tagli dei prezzi in alcuni casi già del 70% . Ma c’è tempo fino al 5 marzo. Intanto l’opinione condivisa tra i commercianti è sull’opportunità di spostare l’inizio dei saldi almeno di un mese. Una stagione che è sotto la lente dell’Associazione di via Manzoni, attiva con un monitoraggio già iniziato e che continuerà per tutto il periodo dei saldi invernali. Intanto i commercianti di Cremona non si danno per vinti e porteranno al Duc iniziative e proposte per migliorare l’appeal del centro storico, non ancora uscito dallo spettro della crisi e della desertificazione e in continuo confronto con i centri commerciali alle porte della città.

Susanna Grillo

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata