15 chili di cocaina purissima per una valore sul mercato di oltre un milione e mezzo di euro. È il risultato di una brillante operazione portata a termine dalla Guardia di Finanza di Brescia. La droga era a bordo di un’auto guidata da un albanese di 24 anni è fermata lungo la tangenziale nella zona d Roncadelle, nascosta negli specchietti retrovisori. Il giovane, a bordo di una vettura con targa tedesca, è stato arrestato. Ad insospettire le Fiamme Gialle sono stati la targa estera del mezzo ma anche la brusca manovra effettuata nella corsia d’emergenza sul tratto di tangenziale interessato. Per tale motivo, la pattuglia ha raggiunto l’auto identificando il giovane guidatore , un cittadino albanese, nato nel 1992 e domiciliato in Germania), richiedendogli, il motivo della sua presenza sul territorio italiano e spiegazioni in ordine all’utilizzo di un’autovettura con targa temporanea. L’albanese, che ha qualche difficoltà nel comprendere la lingua italiana, ha fornito risposte evasive e poco chiare. Per eseguire ulteriori e specifici accertamenti sull’identità della persona, il giovane è stato portato in caserma, a Brescia. Da un’accurata perquisizione dell’autoveicolo per accertare l’eventuale occultamento di armi o munizioni, una volta aperto il cofano del vano motore, le fiamme gialle hanno notato che la parte di carrozzeria sottostante il vetro anteriore dell’abitacolo era stata manomessa. Rimuovendola, all’interno di un’intercapedine tra uno specchietto retrovisore e l’altro, la scoperta dei 14 panetti sottovuoto che contenevano l’ingente quantitativo di polvere bianca. L’albanese è stato trasferito nel carcere di Canton Mombello. Le accuse nei suoi confronti sono di detenzione, trasporto e occultamento di sostanza stupefacente. L’operazione dei militari bresciani rientra nell’ambito della più ampia attività di prevenzione del fenomeno del terrorismo e dell’intensificazione delle misure di vigilanza e sicurezza per il monitoraggio di obiettivi sensibili, tra cui centri commerciali, luoghi di culto, ristoranti, teatri, hotel, stazioni ferroviarie, maggiori vie di comunicazione e spazi di affluenza pubblica.

Redazione

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata