Clamorosa accusa dell’assessore regionale Gianni Fava al presidente della società Stradivaria Alessandro Pastacci, che riunirebbe i sindaci promettendo loro sottopassi, rotatorie, tangenziali e una serie di opere pubbliche nei loro Comuni, purché diano l’assenso alla nuova autostrada Cremona Mantova, in realtà devastante per l’ambiente secondo lo stesso Fava. E’ un attacco pesante, anche perché Pastacci è anche presidente della Provincia di Mantova, oltre che alla guida della società che intende costruire l’autostrada. A difesa del politico mantovano è insorto il Pd cremonese, che a propria volta non vede l’ora che il cantiere dell’autostrada si apra. Francesca Pontiggia, come presidente della commissione comunale ambiente, ha risposto stamattina, e il presidente della Provincia Carlo Vezzini poche ore dopo. Pontiggia informa ironicamente Fava che la giunta Maroni, di cui fa parte, ha inserito la Cremona Mantova nel piano regionale delle opere strategiche, mentre Maroni promette di fare di Cremona e Mantova un unico cantone regionale, che a maggior ragione ha bisogno di interventi per stimolare lo sviluppo economico e uscire dall’isolamento viabilistico. Affermazioni incredibile per le associazioni ambientaliste, che da anni propongono il raddoppio di tutte le sette linee ferroviarie della provincia di Cremona, contraddicendo l’ideologia del finto isolamento. Carlo Vezzini, da corso Vittorio Emanuele II, invece insiste sulla necessità dell’autostrada, assieme al potenziamento delle vie d’acqua e delle ferrovie, per rilanciare un territorio con opportunità molto minori rispetto alla zona centrale della Lombardia, e richiama così la Regione a investire, programmare e sostenere iniziative a vantaggio di tutti i territori, mentre per la Paullese, nella parte fra Crema e Milano, i lavori sono stati più tempestivi e numerose le opere collegate. Vezzini considera superata la Lombardia milanocentrica. Le associazioni cremonesi e mantovane, invece, come alcuni Comuni del territorio, si sono riconosciuti nella linea ambientalista di Lucia Lanfredi, che in consiglio comunale a Cremona ha proposto una mozione contro l’autostrada, naufragando però in un mare d’asfalto.

Paolo Zignani

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata