Brescia, Diritti per tutti: “no abbattimento della Tintoretto”

Brescia Primo si dalla Loggia per rendere fattibile il progetto di demolizione della torre Tintoretto di San Polo. L’assessore all’Urbanistica Michela Tiboni, come annunciato, ha presentato il documento da approvare da parte del resto della giunta. In sintesi, la modifica del piano di governo del territorio sulla questione di San Polo e il piano delle regole. La società Investire Sgr, infatti, che ha rilevato la gestione del palazzo disabitato, ritiene che l’unica soluzione possibile per riqualificare il quartiere sia la demolizione della Tintoretto. Così il sindaco Emilio Del Bono e il resto della giunta sono stati chiamati a votare la variante che consente l’operazione. In ogni caso, la modifica territoriale potrà entrare in vigore solo nel 2017 in seguito alle eventuali osservazioni dei cittadini. Una misura che secondo la squadra di governo potrà rendere completa la riqualificazione del quartiere. Ma il progetto di abbattimento trova fortemente contraria l’associazione “Diritti per tutti” che ha già avviato una serie di iniziative per manifestare le proprie opinioni. Secondo l’associazione gli oltre 150 appartamenti sfitti e in buono stato della torre possono servire a tamponare la forte emergenza abitativa della città.