Cremona: nuova vita per il Boccaccino

Tornerà ad avere colori splendenti il dipinto a tempera su tela di scuola cremonese di Boccaccio Boccacino risalente al 1505-1510, raffigurante Gesù Cristo Crocifisso, attualmente esposto in Duomo a Cremona, grazie al comitato soci di Coop Lombardia. Il restauro sarà interamente a carico dei soci coop che hanno voluto consegnare alla cittadinanza un bene artistico di grande pregio.
Soddisfazione anche da parte del Sindaco di Cremona Gianluca Galimberti, che sottolinea l’importanza della cultura e della bellezza del territorio cremonese. Il restauro, eseguito dallo Studio Blu di Castelgoffredo, sarà aperto al pubblico e realizzato presso la sagrestia di San Giuseppe a Cremona. Affascinante e attuale la tematica trattata dal dipinto: il rapporto dell’uomo con la natura. La prestigiosa opera verrà restituita alla comunità nella serata del 5 febbraio alle 20.30 presso la Cattedrale di Cremona alla presenza dello storico dell’arte Vittorio Sgarbi, che terrà una lectio magistralis sui capolavori contenuti nel Duomo e in particolare sul Boccaccio Boccacino.