CREMONA Circolare e parcheggiare l’automobile a Cremona è diventato
più complicato: la zona a traffico limitato è stata regolamentata e
adeguata alle altre città, la sosta è stata riordinata, ma c’è chi ha
trovato il modo di semplificarsi la vita senza seguire le regole: sono
gli automobilisti che ancor oggi usano permessi per disabili
intitolati a persone decedute. Anche l’anno scorso il Comune ha fatto
una verifica e sono risultati 190 permessi non restituiti, di cui 145
intitolati a deceduti e 45 a persone trasferite, che a loro volta
hanno perso il diritto. Stamattina l’amministrazione, dopo la nuova
verifica effettuata prima di Natale dallo staff mobilità, ha accertato
che un anno dopo i furbi sono aumentati, ormai quasi 200, di cui 149
intitolati a disabili ormai deceduti e mai restituiti al Comune e
un’altra cinquantina di persone che sono state ricoverate in casa di
riposo o comunque trasferite ad altro indirizzo. Dimenticanza, cattiva
volontà o imbarazzo  che sia, il dato incide. Tornano ad aumentare
anche i permessi, da 1.800 a 2.193, confrontando i dati 2015 con
quelli di stamattina. Complessivamente i permessi auto negli anni
scorsi si avvicinavano a diecimila, mentre la zona a traffico limitato
era chiusa solo di sera e di notte. Regnava il Far West, con molte
auto in sosta abusiva. Il Comune però nel febbraio di quest’anno ha
accertato l’esistenza di ben 8.200 permessi temporanei ancora attivi,
con validità da pochi giorni a un mese, per lavoro. La giungla
continua e i cittadini segnalano auto con permesso per disabili
parcheggiate ovunque e a lungo, come in corso Vittorio Emanuele II, in
una zona popolata da uffici pubblici e ad alto traffico. Così ora il
Comune ha dato incarico alla polizia municipale di contattare tutti i
familiari per verificare i requisiti dei permessi e chiedere di
restituire i pass, mentre l’ufficio Permessi cancellerà le targhe di
chi non è più autorizzato al passaggio dei varchi elettronici.
Pioveranno multe, se non ci si adeguerà. Le proteste dei familiari dei
disabili veri e propri sono pervenute in commissione viabilità e in
consiglio comunale, per voce di Carlalberto Ghidotti. Anche il 2017
viene annunciato, forse per davvero, come l’anno della svolta da parte
degli assessori Alessia Manfredini e Rosita Viola.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata