Una nuova ricerca condotta dal Massachussets Institute of Technology, dove l’Alzheimer potrebbe essere contrastato efficacemente con i lampi di luce.

I ricercatori hanno utilizzato dei flash a luci stroboscopiche che ricordano un po’ quelle da discoteca.

Tali luci sarebbero in grado di stimolare il sistema immunitario ( in particolare le cellule immunitarie presenti nelle micro-ciglie) ad eliminare le proteine beta-amiloidi nei pazienti affetti da questa patologia neurodegenerativa.

Queste luci sono state sperimentate sui topi e nelle 24 ore successive si è assistito a una sensibile diminuzione delle placche di proteine beta-amiloidi, le quali, nelle settimane successive si sono ridotte sempre di più.

L’obiettivo dei ricercatori è di sperimentare questo nuovo approccio terapeutico sull’uomo.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata