Regione Veneto fermi l’inquinamento di PFAS nell’acqua potabile

Il problema dell’inquinamento in Veneto è venuto alla luce nel 2013, quando uno studio del Consiglio Nazionale delle Ricerche rileva la contaminazione da PFAS nei fiumi e nelle acque potabili di una vasta area compresa tra le province di Vicenza, Verona e Padova. L’agenzia Regionale per l’Ambiente, individua quindi nel depuratore di Trissino, dove confluiscono gli scarichi dell’azienda chimica Miteni Spa, una delle principali fonti di inquinamento. Attraverso una petizione, Greenpeace chiede alla Regione Veneto di agire immediatamente, individuando e fermando  tutti gli scarichi di PFAS nelle aree colpite dalla contaminazione, e di abbassare i limiti di PFAS consentiti nelle acque potabili.

Ecco il link della petizione: http://www.greenpeace.org/italy/stop-pfas-veneto/