L’assessore Regionale al Territorio Viviana Beccalossi interviene in merito all’espulsione dall’Italia, per motivi di sicurezza, del tunisino residente a Cinisello Balsamo, fermato a seguito dell’operazione Da’Wa eseguita dalla Polizia Postale di Perugia su estremisti islamici attivi nel diffondere sul web scritti di propaganda jihadista e sostegno all’Isis. Proprio nel comune dell’hinterland milanese, il sindaco, rispondendo alla richiesta di mappatura di moschee e centri islamici, aveva segnalato la presenza di due situazioni quantomeno critiche.  Due sono, infatti, i luoghi di culto non autorizzati: il Centro islamico di via Frisia e il Centro islamico di via Matteotti entrambi oggetto di ricorsi presso TAR e Consiglio di Stato e spesso al centro delle cronache per situazioni poco chiare. Senza dimenticare che proprio a poche centinaia di metri da quei luoghi di aggregazione si aggirava Anis Amri, il terrorista di Berlino, prima di essere ucciso dai poliziotti di Sesto San Giovanni”.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata