Sta crescendo il dissenso in tutt’Italia per il decreto che impone l’obbligatorietà dei vaccini per i bambini fino ai sei anni. Troppe le questioni aperte ed irrisolte, come, per esempio, quella che riguarda la grande quantità di farmaci da inoculare anche qualora i bambini siano già immunizzati rispetto ad alcune malattie. Un decreto che da più parti viene ritenuto incostituzionale se si pensa che prevede la sospensione della patria potestà per i genitori che si oppongono alle vaccinazioni, per un breve lasso di tempo necessario per inoculare i farmaci ai bambini.  Un decreto che anche il Comilva di Brescia ha deciso di impugnare  al fianco di Codacons.

1 risposta

  1. giuseppe circhetta

    gradirei che questi signori che decidono sulla salute dei nostri figli , commissionassero un’indagine statistica tra 2 gruppi di bambini/ragazzi , uno vaccinato e l’altro non vaccinato , ed i risultati sarebbero interessanti da analizzare.
    Io il problema lo vivo sulla mia pelle ogni giorno e non posso permettere a nessuno di rovinarmi a vita anche il piccolo.

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata