E’ stato un percorso tormentato quello della nuova

centrale Edison sull’Adda di Pizzighettone. Le discussioni nelle
conferenze dei servizi sono state  intense, con interventi delle
associazioni ambientaliste, perché a Maleo sorgeva già un’altra
entrale, quella di Shen, inizialmente considerata in conflitto, e che
era in fase di ristrutturazione mentre Edison presentava il progetto
di Pizzighettone alla Provincia di Cremona. In particolare non si
comprendeva da quale parte potessero passare i pesci. La Provincia di
Lodi infatti monitora l’impatto sulla centrale di Maleo: le due
società hanno inoltre dovuto trovare un accordo. Altre centrali
sull’Adda sono state proposte a Bertonico, di fronte a Gombito: il
progetto è stato poi fermato. A Crotta d’Adda la proposta non è
diventata nemmeno progetto, mentre a Rivolta la nuova centrale è già
operativa. L’associazione Salviamo il Paesaggio ha protestato per la
mancanza di una valutazione d’impatto ambientale complessiva
sull’alveo del fiume, oltre che per i contributi pubblici troppo
elevati. A Pizzighettone il nuovo impianto sfrutta un salto di quattro
metri e 20 centimetri, mentre la portata media sfruttata di 56 metri
cubi al secondo.
Il presidente della Regione Roberto Maroni ha comunque inaugurato ieri
la nuova centralina idroelettrica da 2300 kilowatt.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata