Davanti al gip di Milano Maria Vicidomini, domani si terrà l’interrogatorio di garanzia di Saidou Mamoud Diallo, il 31enne della Guinea arrestato ieri. Il pm Paola Pirotta ha chiesto al giudice la convalida dell’arresto e la misura cautelare in carcere per tentato omicidio e resistenza a pubblico ufficiale. Diallo è anche indagato per minacce perché, prima di essere fermato, aveva inveito mostrando l’arma agli autisti di un bus. Nessun fascicolo, invece, è stato aperto con eventuali ipotesi di terrorismo, anche perché la frase “voglio morire per Allah”, che l’uomo ha detto mentre veniva portato in Questura, viene ritenuta da investigatori e inquirenti un’espressione pronunciata da un uomo esagitato. Vediamo le immagini dell’aggressione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata