“Questa non è una partita a carte e bluffare sul futuro dell’ospedale di Villanova è stato un gioco sporco. Insieme a Valter Bulla e con tutto il comitato da lui presieduto abbiamo sempre affermato che la soluzione data per certa dai vertici dell’azienda sanitaria di Piacenza era, oltre che totalmente sbagliata, anche quantomeno dubbia, perché non ci risultava che avesse basi concrete”. Sono parole forti quelle espresse da Bruno Galvani della Fondazione Amnil e portavoce del comitato “Amici di Verdi” secondo il quale oggi si scopre che di concreto non c’è nulla. Non c’è il progetto e soprattutto non ci sono i soldi per spostare l’ospedale di Villanova a Fiorenzuola.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata