Cremona. Rifiuti ingombranti, inerti, mobili e arredi, addirittura pezzi d’automobile, se non biciclette intere e motorini abbandonati negli scantinati, nei garage usati come spazi comuni dei condomini popolari. Piccole discariche che si trovano in diversi condomini. La descrizione che fa l’assessore Andrea Virgilio riprende la lunga serie di proteste degli abitanti – che da anni chiedono una svolta, per riportare ordine e pulizia negli spazi comuni dei condomini – e rilancia in tutti i quartieri popolari, indirizzandola contro l’Aler e il centrodestra, la polemica sulla gestione della convivenza di etnie diverse e della raccolta differenziata al Cambonino. La gestione degli alloggi comunali era stata ceduta all’Aler dalla giunta Perri, con un costo di 200mila euro l’anno per l’amministrazione comunale, che due anni fa non ha rinnovato la convenzione, per riprendersi la gestione dei propri mille alloggi e iniziare un’operazione di pulizia, tutt’altro che finita. I rifiuti di ogni genere, spesso ingombranti, vengono tolti dai garage, che poi però a volte vengono di nuovo riempiti. Sono lotte di tutti i giorni per far rispettare i regolamenti condominiali, che il Comune ingaggia con l’aiuto di un’associazione e di alcune borse lavoro finanziate dalla Regione per persone in stato di disagio, che rendono di nuovo agibili scantinati, garage e spazi comuni di vario tipo, dove intervengono i tutor coordinati da Luca Ferrari. Ci sono anche richieste di derattizzazione e disinfestazione dagli insetti, operazioni però che il Comune mette a carico degli inquilini. E le tensioni non finiscono mai. Intanto ieri sono stati individuati grazie alle telecamere le persone che nei giorni di Ferragosto hanno abbandonato in strada, di notte, un divano e dei mobili in via Panfilo Nuvolone: si tratta di residenti del Cambonino, sanzionati dalla polizia locale. Gli incontri tra Comune e Aler continuano, mentre Marcello Ventura (Fratelli d’Italia), lamenta il mancato coinvolgimento del comitato di quartiere del Cambonino.

 

Paolo Zignani

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata