Cremona Il primo bilancio consolidato chiude con un risultato negativo di due milioni e 770mila euro, che scaturisce dall’insieme della gestione caratteristica, finanziaria e straordinaria, secondo la delibera approvata dalla giunta Galimberti e pubblicata oggi sul sito del Comune. Non c’è nessun dissesto e nessun rischio di default – situazione ben diversa da quella dell’amministrazione provinciale, che attende entro il 30 settembre risposte risolutive, tanto più da quando il ministero degli Interni ha chiesto ben 17 milioni di euro come contributo per la riduzione della spesa pubblica, quando da corso Vittorio Emanuele II è stato possibile versarne solo la metà, indebitandosi verso il ministero di Marco Minniti. In ossequio alle nuove norme, però, il municipio ha dovuto costituire il gruppo Pubblica amministrazione di Cremona, composto dall’amministrazione e dalle partecipate e controllate, allo scopo di assegnare al municipio un maggiore controllo sulla situazione economica, finanziaria e patrimoniale delle società, già sfoltite e riorganizzate, a partire dalla principale, Aem, che ha un capitale sociale di 57 milioni e 100mila euro. Nulla cambia nei conti dell’amministrazione, che ad aprile, nel rendiconto del 2016, ha potuto impegnare più fondi per le politiche sociali, investire sulla manutenzione del patrimonio e mantenere invariati i tributi locali, con un avanzo di amministrazione che arriva complessivamente a poco meno di 20 milioni, dovendo accantonare anche i fondi necessari a coprire i crediti di dubbia esigibilità. Il risultato del gruppo si conclude col segno meno e l’assessore Mauro Manzi darà tutti i chiarimenti nella riunione della commissione bilancio, prevista per il 18 settembre. Dal municipio giungono numerose rassicurazioni. L’indebitamento è in diminuzione da anni. Tra le partecipate, Padania Acque regge debiti verso le banche per 25 milioni e 692mila euro, ma può permetterselo grazie al rafforzamento patrimoniale e al conferimento delle reti idriche da parte delle società del territorio. 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata