I carabinieri del Comando Provinciale di Milano hanno arrestato 10 persone nel Legnanese e nelle province di Varese e Torino, ritenute responsabili, a vario titolo, di traffico e detenzione illecita di stupefacenti del tipo cocaina, marijuana ed eroina. Si tratta di 9 cittadini albanesi ed un italiano, di età compresa tra i 22 ed i 54 anni. Durante il corso dell’indagine, protrattasi per circa 8 mesi, è stato sequestrato anche un libro mastro, sul quale era riportata la contabilità di uno dei fornitori di stupefacente, un albanese di 37 anni residente a Canegrate (Milano). L’analisi del documento rinvenuto e i successivi riscontri effettuati dai carabinieri hanno consentito di accertare che la droga movimentata aveva fruttato, durante il periodo di svolgimento dell’intera indagine, la somma di oltre due milioni di euro. Gli arresti di questa mattina sono la conclusione di un’indagine dei carabinieri della Compagnia di Legnano (Milano) su due famiglie attive nelle attività di spaccio di droga nelle zone di Villa Cortese, San Giorgio di Legnano e Legnano. Il giro d’affari dei malviventi, era di circa duecentocinquanta mila euro al mese. I componenti delle due famiglie di nazionalità albanese che gestivano il giro di droga spacciavano in un bar ed effettuavano consegne in auto. Il 37enne si spostava anche in giro per l’Italia, da Roma al Milanese, da Brescia a Como. Un bar di Villa Cortese (i cui proprietari sono estranei ai fatti) ogni giorno era teatro di circa 40 cessioni, mentre altre decine venivano effettuate previo appuntamento con il pusher che, arrivato in auto in un punto preciso, incrociava il cliente, anche lui in macchina, ed effettuava lo scambio droga/denaro.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata