Volontaria di Medici senza Frontiere, Tina Maffezzoni, lancia un’appello alla sensibilizzazione verso le condizioni di detenzione di donne e bambini migranti al campo di Ventimiglia. Ostetrica e con lunga esperienza nel campo del volontariato e della cooperazione internazionale, la volontaria cremonese non ha ancora ricevuto risposta dalle istituzioni. E lancia un appello per la trasparenza.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata