Soldati e poliziotti hanno perquisito l’ufficio dell’organizzazione SEFE in Camerun e arrestato l’ambientalista Nasako Besingi. Besingi si oppone da anni alla coltivazione di palma da olio in aree forestali e per questo motivo è stato incarcerato in diverse occasioni. Chiediamo il suo rilascio immediato.

Firma QUI!

LetteraCA: Signor Philémon Yang, primo ministro e capo del governo del Camerun

Continuano le persecuzioni e intimidazioni dei difensori dei diritti umani e degli ambientalisti. Liberate subito Nasako Besingi in Camerun.

LEGGI TUTTA LA LETTERA
Lunedì 25 settembre alle 6:30, nella città di Mudemba, nel sud-ovest del Camerun, un gruppo di poliziotti e soldati hanno fatto irruzione nell’ufficio dell’organizzazione SEFE (Struggle to Economize the Future Environment). Hanno perquisito gli uffici e confiscato documenti, computer portatili, telefoni cellulari, schede SIM, documenti d’identità e passaporti dell’ambientalista Nasako Besingi.

In seguito lo hanno portato alla stazione di polizia. Venti minuti dopo, Besingi è stato trasportato in un altro luogo sul portabagagli di un pick – up della gendarmeria. Da allora si trova in carcere, riferisce l’organizzazione dei diritti umani Front Line Defenders.

Non è noto a quali ordini abbiano risposto la polizia e i soldati che hanno partecipato all’operazione o se esista un ordine ufficiale di perquisizione e di detenzione.

Ciò che è chiaro è che Nasako Besingi è impegnato da anni in modo pacifico con la difesa delle foreste e dei diritti della popolazione locale in Camerun. È stato già arrestato e processato diverse volte per il suo lavoro contro l’abbattimento delle foreste e il furto di terreni per le piantagioni industriali di palma da olio. Le organizzazioni di tutto il mondo, tra cui Salviamo la Foresta, hanno già presentato denunce contro questa pratica.

Le denunce hanno avuto il loro effetto sull’azienda Sithe Global Sustainable Oils Cameroon (SGSOC), filiale locale della società Herakles Farms di New York, dietro la quale si celano speculatori statunitensi. Con modalità sospette, SGSOC ha ricevuto una concessione di 73.000 ettari di terreno per un progetto di coltivazione di palma da olio nella foresta. Nel 2013, il governo ha annullato la concessione.

Chiedete con noi il rilascio di Nasako Besingi e firmate anche la petizione “Non pianta palma da olio nella giungla del Camerun”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata