Non verrà sentita la modella inglese Chloe Ayling nel processo a carico di Lucasz Herba, il 30enne polacco di Birmingham che l’avrebbe sequestrata e poi liberata, per metterla all’asta e accreditarsi così sul ‘deep web’ come persona in grado di offrire servizi illegali a chi lo richiedeva.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata