A quasi una settimana dal tragico incidente che ha strappato alla vita sei persone, non si fermano i disagi sull’autostrada A21, tra Manerbio e Brescia Sud. Questa mattina, con la ripresa delle normali attività lavorative e scolastiche, si sono registrati fino a 10 chilometri di coda, a causa del salto di carreggiata, con i veicoli provenienti da Cremona deviati per 1,5 chilometri sulla corsia di sorpasso della carreggiata sud nei pressi del cavalcavia coinvolto e seriamente danneggiato dalle fiamme. E proprio sul manufatto, si concentrano ora le attenzioni. Centropadane pensa di riaprirlo entro giovedì, utilizzando dei puntelli: questo permetterà di ripristinare la normale circolazione in direzione nord, in attesa delle prove di carico che verranno effettuate il prossimo fine settimana, di notte, quando l’autostrada verrà chiusa. Questa sarebbe solo una soluzione provvisoria, poi le alternative potrebbero essere o consolidare il ponte, o demolirlo e subito ricostruirlo. In questo caso, servirebbero circa, 1 milione e mezzo di euro. Fondamentali, per il futuro di struttura e circolazione, saranno i risultati, attesi per domattina, dei test della termocamera, per capire quali temperature sono state raggiunte sia sotto che dentro il cemento armato

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata