Il patron del Foggia Calcio Fedele Sannella è stato arrestato con l’accusa di riciclaggio nell’ambito dell’inchiesta della Dda di Milano che aveva già portato, nello scorso dicembre, all’arresto dell’ex vicepresidente della società Ruggiero Massimo Curci. Numerose perquisizioni sono state eseguite a Foggia e provincia presso gli uffici e le abitazioni di Fedele Sannella e del fratello, e presso la sede del Foggia Calcio. Sannella è stato arrestato dalla Guardia di Finanza di Varese e dalla Squadra Mobile della Questura di Milano, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per riciclaggio, emessa dal gip Giulio Fanalesi del Tribunale di Milano, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Milano. L’ordinanza è il risultato del proseguo della maxi inchiesta “Security” del maggio 2017 che aveva già portato a 15 arresti per infiltrazioni mafiose in appalti Lidl e Securpolice, firmata dai magistrati Ilda Boccassini e Paolo Storari. Secondo l’accusa, Sannella avrebbe ricevuto e riciclato personalmente circa 378.750,00 euro in denaro contante, reimpiegandoli nel Foggia Calcio Srl sia attraverso la corresponsione di somme di denaro in nero agli atleti, allenatori, procuratori, sia mediante pagamenti funzionali alla gestione della società calcistica, così ostacolando l’identificazione della provenienza illecita del denaro. Dato che gli illeciti sono stati commessi dagli organi apicali precedenti ed attuali della società, la Dda di Milano, per la prima volta in Italia per quanto riguarda una squadra di calcio, ha richiesto al gip di Milano di disporre l’applicazione della misura cautelare della nomina di un commissario giudiziale per la durata di un anno, nei confronti del Foggia. Nell’ordinanza di custodia cautelare si parla ancora dei “15.050 euro” ‘in nero’, che emergono da alcuni “appunti”, che sarebbero stati versati a Roberto De Zerbi, attuale allenatore del Benevento. L’episodio dei soldi a De Zerbi era già emerso nell’ordinanza a carico di Curci e ora nel nuovo provvedimento si evidenzia che sarebbe stato proprio Sannella colui che scrisse un “prospetto” con l’elenco di “sportivi tesserati con il Foggia Calcio” che avrebbero ricevuto compensi in contanti, denaro, secondo l’accusa, frutto di riciclaggio. Tra questi De Zerbi, appunto, che allenò il Foggia tra il 2014 e il 2016.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata