È stata denunciata per detenzione di animali pericolosi per l’incolumità pubblica una donna bulgara di 36 anni, di bella presenza e ben vestita, che nel novembre scorso era stata avvistata ai giardini Montanelli di Milano con un esemplare di Caracal al guinzaglio. Ora l’animale le è stato sequestrato. La lince selvatica (originaria di Asia, Africa e Medio Oriente) era nata in Belgio ed è stata acquistata in Repubblica Ceca nel maggio scorso per 10mila euro. In Bulgaria, paese d’origine della donna, la detenzione dell’animale non è vietata dalla legge ma in Italia, con l’introduzione della cosiddetta legge Cites del 1996 è vietato il possesso senza eccezioni. Ieri i carabinieri della Forestale hanno sequestrato la lince nell’appartamento in centro della proprietaria. In casa, nonostante la pericolosità della specie, era lasciato libero. Per ora, il cucciolo, è stato affidato alla clinica veterinaria che già lo aveva in cura, poi sarà consegnato a uno dei pochi centri autorizzati alla gestione degli animali pericolosi. La donna ha già annunciato ricorso. La bulgara e il suo “pet” erano già ricercati speciali dopo che Palazzo Marino, lo scorso 22 novembre, postò sui social un loro scatto mentre passeggiavano tranquillamente in Piazzale Loreto. Già allora scattò l’allarme per ritrovare l’animale, in quanto considerato pericoloso.

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata