E’ stata dissequestrata, tranne che nella parte del forno e della vasca dove si è verificata una fuoriuscita di gas, ed è tornata operativa stamani la fabbrica ‘Lamina’ dove lo scorso 16 gennaio è avvenuto l’incidente che ha portato alla morte di quattro operai. La Procura di Milano, che aveva messo i ‘sigilli’ all’azienda, dopo gli accertamenti tecnici irripetibili iniziati ieri ha deciso, infatti, di dissequestrarla mentre le analisi proseguiranno nella parte del forno la prossima settimana. Intanto dalle analisi e dalle autopsie sui corpi dei lavoratori è emerso che sarebbe stato l’argon, e non l’azoto come ipotizzato in un primo momento, ad intossicare gli operai. L’allarme per la fuoriuscita di gas non ha presentato guasti. Si tratta ora di capire perché non ha funzionato mentre il comitato milanese per la difesa nei luoghi di lavoro chiede misure urgenti finalizzate alla sicurezza dei lavoratori.

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata