All’individuo va “riconosciuta la libertà” di decidere “come e quando morire” in forza di principi costituzionali. E’ un passaggio dell’ordinanza letta per oltre un’ora dalla Corte d’Assise di Milano che ha deciso di trasmettere gli atti alla Consulta per il caso di dj Fabo. Per i giudici, in sostanza, Marco Cappato non ha rafforzato il proposito suicidiario e la parte della norma che punisce l’agevolazione al suicidio senza influenza sulla volontà dell’altra persona è costituzionalmente illegittima. Una grande notizia, ha commentato il dott Mario Riccio, il medico che si sta battendo per garantire libertà di scelta al paziente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata