Brescia. Il ponte sull’autostrada A21 era rimasto pesantemente danneggiato, all’inizio dell’anno, a causa di un tragico incidente in cui sei persone avevano perso la vita e che, a seguito dell’incendio di un’autocisterna, era stato dichiarato inagibile e pericolante. Dal territorio bresciano era stato chiesto al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti di fare presto e così è stato. Nei giorni scorsi, la prefettura ha ricevuto da Roma il documento con cui si autorizza la demolizione del ponte pericolante della provinciale 24 tra Poncarale e Montirone, sopra l’autostrada A21, ammalorato dopo il tragico incidente. Il passo successivo sarà mercoledì prossimo quando, a palazzo Broletto si ritroveranno i sindaci coinvolti, il prefetto Annunziato Vardé, gli esponenti della Provincia e i tecnici della società Gavio che da poco tempo hanno ricevuto in concessione l’autostrada. Il via libera dal Ministero alla demolizione è infatti solamente il primo passo verso un lavoro che dovrà essere svolto velocemente per ridurre ulteriormente i disagi di residenti e commercianti, soprattutto di Montirone, che sono stati pesantemente colpiti da quanto avvenuto. Gavio, infatti, nuovo gestore A21, ha già avviato la progettazione del nuovo viadotto, che dovrebbe essere realizzato in sei mesi. 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata