Anche Milano si è risvegliata stamani imbiancata da una coltre di neve di un paio di centimetri che, non ha provocato particolari disagi all’attività del capoluogo lombardo. La Polizia locale, come sottolinea il Comune in una nota, non segnala particolari criticità. L’Amsa ha sparso fino ad ora 2000 tonnellate di sale su strade e marciapiedi e proseguono le attività di spalatura della neve. Regolare anche la circolazione di tutti i mezzi pubblici di Atm che sta provvedendo a spargere sale anche sulle scale di accesso della metropolitana. Gli interventi di Protezione civile, Amsa, Polizia locale sono stati attivati fin dalle prime ore del mattino e tutt’ora tutte le squadre sono presenti nelle strade per evitare che la neve,si trasformi in ghiaccio. E’ regolare la circolazione lungo le linee della metro e dei mezzi di superficie. Anche il traffico privato risulta scorrevole ma il Comune sconsiglia l’uso delle auto, indicando i mezzi pubblici come opzione ideale per gli spostamenti. Mm e Aler hanno già provveduto ad allertare i custodi delle case popolari e le imprese per provvedere alla salatura delle rampe dei box e dei marciapiedi prospicienti, e da Palazzo Marino ricordano che lo sgombero della neve dai marciapiedi antistanti gli stabili privati compete ai proprietari. Nonostante le caldaie a singhiozzo , come è successo alle primarie Dal Verme e Barozzi, dove i caloriferi erano fermi da giorni, a Milano, le scuole sono rimaste aperte. Il 30% dei treni Trenord non viaggia a causa del maltempo. Rfi (Rete ferroviaria italiana) ha comunicato, mercoledì sera, a Trenord che “stante le previsioni di nevicate e fenomeni di gelicidio”, oggi sarà attivato lo “stato di emergenza grave previsto nei Piani neve e gelo”. La decisione ha comportato una riduzione di circa il 30% dell’offerta commerciale del servizio ferroviario regionale programmato in Lombardia “. Sull’asse ferroviario Milano-Roma-Napoli, sta attualmente circolando l’80% dei treni alta velocità. In base alle attuali previsioni meteorologiche, si stima che la situazione ferroviaria possa ritornare alla normalità a partire da venerdì 2 marzo. Sono regolari i voli da e per gli aeroporti milanesi di Malpensa e Linate, gestiti da Sea. Le uniche cancellazioni sono state decise preventivamente da alcune compagnie aeree (come Alitalia che ha preferito annunciare ieri alcuni annullamenti), in parte dovute ai problemi che ci sono negli aeroporti di Londra. Nella sola Malpensa per tenere pulite le piste e eseguire tutte le operazioni per togliere ghiaccio e neve dagli aerei sono al lavoro 15 spalatrici, 5 Fresia oltre a 130 mezzi, 260 addetti. Solo a spargere il sale sui marciapiedi sono impegnate 18 persone.”Tutti i voli operano regolarmente con ritardi dovuti alla necessità di effettuare le operazioni schiacciamento e snevamento degli aeromobili”. E’ quanto riferisce Sacbo, la società di gestione dell’aeroporto di Orio al Serio, dove si registrano ritardi nei voli anche di due ore. Nelle prossime ore è attesa altra neve sul Milano e la Lombardia.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata