La legge sui vaccini continua a creare confusione a causa degli aspetti poco chiari e delle numerose circolari emanate e di equivoca interpretazione. Quasi ogni scuola sceglie come comportarsi in modo autonomo e sui territorio non c’è omogeneità. Problemi anche per le Asl nel diffondere dati sensibili. Il Comilva critica la situazione che poteva essere gestita molto meglio.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata