Otto giovani, di cui sei minorenni, di cui un italiano, due marocchini, due romeni e un egiziano, per lo più studenti, arrestati dai carabinieri di Vimercate. Ventuno i colpi di cui sono accusati, alcuni commessi con uso di armi come coltelli e pistole, ai danni di minorenni in Brianza. La baby gang, secondo le indagini, agiva in gruppo nei pressi di stazioni ferroviarie, fermate di autobus o sui treni, tra le province di Monza e Brianza e Lecco.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata