Nuove misure di sostegno abitativo a favore dei coniugi separati o divorziati con figli minorenni in arrivo dalla Regione. Il Pirellone ha infatti presentato due nuovi bandi a sostegno dei genitori “soli” che impegneranno la giunta a un investimento di circa sei milioni di euro per aiutare gli oltre cinquantamila padri separati che a Milano vivono in condizioni di marginalità. Gli interventi, presentati a Palazzo Pirelli, consistono nell’erogazione di contributi sia per l’affitto (fino al 30% del canone annuo) sia per il recupero e la riqualificazione di immobili (fino al 90% della spesa). Al bando affitto, finanziato nel complesso dalla Regione con 4,6 milioni di euro, possono accedere i genitori separati o divorziati, (anche quelli con un procedimento di separazione giudiziale in corso) con figli minori anche adottati, residenti in Lombardia da 5 anni, con un Isee uguale o inferiore a 20.000 euro, intestatari di un contratto di locazione regolarmente registrato. Il bando per il recupero degli immobili è invece destinato agli enti pubblici e privati del terzo settore e a quelli riconosciuti dalle confessioni religiose, che devono presentare domanda all’Ats di competenza. Per questa misura la Regione ha stanziato 1,4 milioni di euro. “Il contributo è a fondo perduto per interventi di ristrutturazione – ha chiarito il Pirellone -. Può essere pari all’85% della spesa – elevabile al 90% nel caso in cui gli interventi garantiscano recuperi in materia di efficienza energetica – e dovrà essere compreso tra 10.000 e 50.000 euro, anche in caso di adeguamento strutturale di più alloggi”. “Si tratta – secondo il governatore –   di importanti misure a favore di genitori che rischiano di entrare nella categoria dei nuovi poveri. Proprio per questo, come regione Lombardia, cerchiamo di prevenire i disagi ed esser loro vicini”. “Con questi bandi – ha spiegato l’assessore alla famiglia, Silvia Piani, ‘responsabile’ del progetto – abbiamo voluto rispondere ad un bisogno emergente che purtroppo si sta rivelando in crescita negli ultimi anni e dare un sostegno abitativo ai genitori separati che si trovano in situazione di disagio. Un segnale concreto di come regione Lombardia valuti con particolare attenzione questo tipo di problematica”.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata