Una notte di sangue a Milano. Un 48 enne pregiudicato, Federico Megna, è morto dopo essere stato colpito da una serie di coltellate all’addome. L’uomo è stato ricoverato all’ospedale San Raffaele in fin di vita e poco dopo è spirato. Nelle stesse ore, altri tre uomini feriti a colpi di coltello sono arrivati all’ospedale di Sesto San Giovanni. Uno di loro, vittima di una presunta rapina, è stato ferito non gravemente al petto. Non si sa se sia italiano o straniero. Per gli altri due, italiani, entrambi pregiudicati di cui uno grave, sono in corso indagini per capire se vi sia un collegamento con la morte di Megna. E qualche ora dopo l’aggressione mortale un uomo di cui non si conoscono ancora le generalità è stato fermato e portato in Procura a Monza per essere sentito dal pm Alessandro Pepè. E’ su di lui che si concentrano i sospetti degli inquirenti sulla morte dell’uomo così come sull’aggressione nei confronti delle altre due persone pregiudicati, di cui uno in modo grave, ricoverati ieri sera all’ospedale di Sesto San Giovanni anche loro con ferite da arma da taglio. A rintracciarlo un blitz congiunto di carabinieri e polizia. Teatro dell’aggressione via Carlo Marx all’altezza del civico 495, poco prima delle 19. Lì il pregiudicato – è stato trovato in strada, nel cortile di un condominio, ferito da diversi fendenti all’addome. Soccorsa da un’ambulanza e un’auto medica del 118, la vittima è stata trasportata all’ospedale San Raffaele di Milano, dove poco dopo è stata dichiarato il decesso. Alle 21.55, poi, un nuovo allarme è scattato al civico 141 di via Gugliemo Marconi, dove un uomo di quarantatré anni – pare sia un cittadino egiziano – è stato colpito con una coltellata. Il 43enne, secondo le primissime informazioni, ha riportato una ferita all’addome di circa quattro centimetri di profondità ed è stato trasportato in codice rosso al Niguarda di Milano: è grave, ma non sarebbe in pericolo di vita.  ‘episodio, stando ai primi accertamenti dei militari, non sarebbe collegato all’omicidio. L’aggressione di via Marconi, infatti, sarebbe arrivata al termine di una lite nata tra due clienti di un bar. Dopo la discussione, i cui motivi sono ancora sconosciuti, uno dei due avrebbe colpito l’altra con un fendente e sarebbe fuggito.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata