Il sonno ideale per la salute del cuore? Va dalle sei alle otto ore a notte. Di più o di meno può non fare bene. Lo rileva uno studio presentato a Monaco al Congresso Esc 2018, il meeting annuale della Società Europea di Cardiologia. Lo studio, dell’Onassis Cardiac Surgery Centre, ad Atene, ha effettuato una metanalisi che ha incluso 11 ricerche prospettiche su oltre un milione di adulti (1.000.541) senza malattie cardiovascolari pubblicati negli ultimi cinque anni.

Due gruppi, uno con breve durata del sonno notturno (meno di sei ore) e l’altro con una lunga durata (oltre otto ore), sono stati confrontati con il gruppo di riferimento (che dormiva da sei a otto ore). Sia per chi dormiva poco che per chi dormiva tanto vi era un rischio maggiore di sviluppare una malattia delle coronarie o l’ictus o di morire a causa di queste patologie. I partecipanti sono stati seguiti infatti per un periodo medio di 9,3 anni ed è emerso che chi dormiva meno di sei ore risultava più a rischio del 33%, chi dormiva per più di otto dell’11%.

“Sono necessarie ulteriori ricerche – rileva Epameinondas Fountas, autore dello studio – ma sappiamo che il sonno influenza i processi biologici come il metabolismo del glucosio, la pressione e l’infiammazione, che hanno un impatto sulle malattie cardiovascolari. “È improbabile che avere una notte in cui si dorme poco o troppo sia dannoso per la salute- aggiunge- ma si stanno accumulando evidenze sul fatto che la prolungata privazione del sonno notturno o il sonno eccessivo dovrebbero essere evitati.Prendere l’abitudine di dormire da sei a otto ore per notte, andando a letto e alzandosi alla stessa ora tutti i giorni, evitando alcol e caffeina prima di andare a letto, mangiando in modo sano e facendo attività fisica è una parte importante di uno stile di vita sano”.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata