L’eternit si annida sul tetto di un garage, tra gli appartamenti di un condominio e un capannone, in via Sammachini 16, a pochi metri da via Giuseppina. Le segnalazioni alla sezione cremonese dell’Ona onlus, Osservatorio nazionale sull’amianto, sono arrivate dai residenti della zona, vista la breve distanza tra i balconi e la copertura che incute timore per la verosimile presenza d’amianto. L’inquietudine degli abitanti si è manifestata soprattutto per lo stato di degrado delle lastre. A poche decine di metri, in via Brenti 2, un altro garage, all’interno di un condominio, su cui si appuntano le richieste a Ivano Bonoldi, che guida l’Ona onlus di Cremona, di verificare e intervenire. Appare in disfacimento anche la copertura di un tetto all’interno dell’edificio all’angolo tra via Bissolati e via delle Foppe, per la preoccupazione dei residenti, al punto che c’è chi, tra loro, ha messo in vendita l’appartamento, stentando però a trovare acquirenti. L’Ona onlus un anno fa ha chiesto al Comune di intervenire, per sollecitare la proprietà privata a eseguire la bonifica. L’amministrazione ha inviato una notifica da tempo al proprietario. E’ di proprietà di una parrocchia, invece, l’eternit che si trova in via Belgiardino, accanto all’ingresso dell’Ats Valpadana: è un altro caso in cui la bonifica ancora non è stata effettuata. Tempi lunghi non solo a Cremona, ma soprattutto a Piacenza, dove ormai l’Ona onlus sta per denunciare la sindaca Patrizia Barbieri per inadempienza istituzionale e tentato omicidio, considerata la pericolosità dell’amianto e il ruolo del sindaco di responsabile della salute pubblica. Risale infatti all’ottobre dell’anno scorso l’esposto che indica la verosimile presenza di amianto sul tetto di via Pisoni, che dà sul terminal dei bus, inaugurato dal Comune nell’aprile di due anni fa. Dopo un anno, non si parla ancora di bonifica. Denuncia in arrivo, sempre per la mancata bonifica, anche per la ditta privata di via Farnesiana che, dopo l’esposto dell’ottobre scorso, non è intervenuta nonostante le numerose segnalazioni.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata