Cremona Oltre che dal Maristella, le lamentele per gli odori fastidiosi che si sentono vicino ai campi dove si spandono fanghi sono arrivate anche dalla frazione Cavatigozzi, precisamente nella zona della Liquigas. Il comitato di quartiere ha inviato una segnalazione all’Arpa Lombardia e al Comune. Per emanazioni di questo genere è possibile provare irritazione alla gola, nausea, sino a far fatica a respirare, bruciore agli occhi e mal di testa. A spandimento effettuato, una pratica che viene eseguita “a beneficio dell’agricoltura”, come dicono i documenti ufficiali, l’unica soluzione, per eliminare l’impatto olfattivo, è di arare i campi. La procedura migliore, per le coltivazioni, prevede però la solidificazione del liquame, con un tempo di attesa in più, e quindi con maggiori difficoltà per i residenti. Gli spandimenti comunque continueranno. L’amministrazione provinciale ha rinnovato pochi giorni fa alla società Cre (Centro ricerche ecologiche) l’autorizzazione a effettuare nuovi spandimenti, per un totale di 12mila tonnellate annue, nell’ambito della gestione dei rifiuti speciali. La quantità annuale così si riduce rispetto alle 70mila dell’autorizzazione precedente. L’impianto di riferimento, per la società che ha sede legale a Milano, è quello di Maccastorna presso la cascina Risi. La ditta ha presentato un’autocertificazione alla provincia di Lodi, per ottenere il rinnovo, e potrà fornire i liquami ad aziende agricole di Cremona, Casalbuttano, Castelverde, Castelleone, Pizzighettone, San Bassano, Azzanello, Casalmorano e Sospiro. In provincia di Cremona saranno 341 gli ettari cosparsi di liquami, per l’uso di 2.263 tonnellate annue di fanghi. Il testo dell’autorizzazione provinciale spiega elenca le sostanze contenute nei fanghi: tra i metalli, cadmio, rame, nichel, piombo, zinco, cromo, mercurio e arsenico, fra le altre sostanze ci sono il benzene e diversi suoi composti, il tetracloroetilene. Prima della somministrazione dei fanghi viene eseguito un ulteriore test chimico. E altre ditte sono attive nella fornitura di fanghi alle aziende agricole.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata