Un sistema intelligente di gestione dell’energia, che collega i siti produttivi ai quartieri e alle citta’, in una logica di evoluzione verso le Smart city. Sara’ avviato in forma sperimentale a Brescia, area territoriale scelta per il progetto pilota. Lo prevede il nuovo Accordo per la Ricerca inerente il progetto ‘Smart Grid: bando energETICO’ approvato dalla giunta regionale.  Il progetto prevede il recupero dell’energia termica prodotta dall’acciaieria: il recupero del calore di scarto dei processi produttivi e il suo utilizzo all’interno della rete di teleriscaldamento cittadina, valorizzeranno energie che attualmente vengono disperse in atmosfera. La sede operativa del progetto sara’ la sede produttiva di Alfa Acciai. Esiste un vantaggio in termini ambientali? Lo abbiamo chiesto a Marino Ruzzenenti, storico e ambientalista che ha sottolineato anche qualche criticità.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata